giovedì 18 aprile 2013

Lotta alla zanzara tigre, tocca ai condomini.

 
Attenti alla zanzara tigre. L'arrivo del caldo e il previsto proliferare del fastidioso insetto hanno acceso anche la miccia di una nuova polemica fra opposizione e amministrazione capitolina.
Motivo del contendere: le disinfestazioni, che ora l'amministrazione ha deciso di affidare agli amministratori di condominio, nuovi «vigilantes» contro l'insetto dalle punture terribili, soprattutto per i bambini e gli anziani.
 
«Come si schiuderanno le uova della zanzara dovranno essere i condomini e quindi i cittadini ad occuparsi delle disinfestazioni - afferma il consigliere Pd Dario Nanni - pena multe tra i 50 ed i 500 euro in caso di omissione». E per Nanni «non ci sono piani d'attuazione né modalità d'intervento: gli interventi sono affidati al caso e alla buona volontà dei singoli. E chi interverrà nelle aree pubbliche?». Anche gli amministratori di condominio non sono affatto contenti. E la presidente dell'Anaci, l'associazione di categoria, Rossana De Angelis, replica: «L'ordinanza? Certo che davanti all'emergenza tutti devono far la propria parte ma servirebbe un piano strategico. Le disinfestazioni non coordinate sono inutili».
 
L'assessorato all'Ambiente del Campidoglio replica che l'ordinanza è la stessa da 3 anni e che la campagna di disinfestazioni comunali partirà a fine maggio. «In campagna elettorale l'opposizione riesce a fare polemiche ridicole anche sulla zanzara tigre - replica il consigliere del Pdl Francesco De Micheli della Commissione ambiente - . L'ordinanza finora ha dato ottimi risultati poiché sensibilizza gli amministratori con cui abbiamo un proficuo dialogo che consente di migliorare il controllo del territorio e tutelare la salute dei cittadini. Fornire semplici linee guida è fondamentale poiché il 75 % delle infestazioni riguarda gli ambienti privati».

Fonte: Lilli Garrone su il Corriere della Sera

Nessun commento:

ShareThis

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

wibiya widget