giovedì 27 dicembre 2012

Approvata la legge per tributaristi e amministratori di condominio.

 
In arrivo regole per 157 professioni che finora di regole certe ne hanno avute poche o nulla. Si tratta, tra gli altri, di amministratori di condominio e tributaristi. Ma l'elenco è piuttosto lungo e articolato. Il provvedimento, approvato in via definitiva dalla Commissione Attività Produttive della Camera riunita in sede deliberante, dà una definizione di queste professioni spiegando che si tratta di quelle "non organizzate in ordini o collegi" più altre "professioni sanitarie".
 
Le attività che ora verranno regolamentate in maniera definitiva potranno essere svolte in forma individuale, societaria o come lavoro indipendente. E i vari lavoratori potranno costituire associazioni professionali per valorizzare le competenze degli associati e garantire il rispetto di regole deontologiche. Potranno fare pubblicità sul web, sempre secondo le regole fissate e dovranno fare riferimento, tra le varie cose, allo statuto, ai componenti dell'associazione, alle eventuali sanzioni previste. In più, ci sarà la possibilità, per le associazioni professionali, di promuovere la costituzione di comitati di indirizzo e sorveglianza sui criteri di valutazione e rilascio dei sistemi di qualificazione e competenza professionale, con oneri posti a carico delle associazioni.
 
I 157 tipi di professionisti potranno anche 'autoregolamentarsi’ e le varie associazioni che nasceranno potranno rilasciare ai propri iscritti degli attestati, previe necessarie verifiche, sotto la responsabilità del proprio rappresentante legale, al fine di tutelare i consumatori e di garantire la trasparenza del mercato dei servizi professionali. In caso di dichiarazioni mendaci scatteranno le stesse sanzioni previste per la pubblicità ingannevole. La disciplina delle professioni, si ricorda nel provvedimento, rientra nell'ambito della competenza legislativa concorrente.
 
Conseguentemente, spetta alla legislazione dello Stato determinare i principi fondamentali, in conformità con i quali le regioni potranno esercitare la propria potestà legislativa. La soddisfazione dell’Istituto nazionale tributaristi È con grande soddisfazione che è stato accolto, da parte del'Istituto nazionale tributaristi (Int), il varo in via definitiva, da parte della Camera, della legge sulle libere associazioni di rappresentanza professionale.
 
"L'altra metà del cielo del settore professionale - sottolinea il presidente dell'Int, Riccardo Alemanno - ha trovato oggi il suo riconoscimento normativo, si concretizza così, anche a livello legislativo, quel sistema duale che da decenni e' presente sul mercato dei servizi professionali. Non parlo di ritrovata dignità perché quella i tributaristi già la posseggono e non può essere attribuita per legge, ma ripeto si tratta di valore normativo della funzione di aggregazione delle associazioni e del valore aggiunto che rappresentano per i professionisti iscritti e per la loro utenza".
 
E aggiunge: "Il ringraziamento va a tutti quei parlamentari che hanno capito l'importanza del settore associativo professionale nel nostro Paese, ma non si può dimenticare l'opera svolta dal Colap, organismo creato proprio dalle libere associazioni, affinché si avesse una voce unica sul riconoscimento delle professionalità rappresentate dalle singole sigle associative. Un bel giorno che ci inorgoglisce e così tutti i nostri iscritti che hanno sempre creduto nel valore aggiunto dato dall'iscrizione all'Int. Naturalmente ciò non modifica le possibilità operative dei tributaristi che restano legate alle attività non riservate, rispetteremo sempre attentamente i limiti del libero esercizio, pertanto la nuova legge sulla associazioni nulla toglie al valore degli ordini professionali, ma sancisce il primo vero rinnovamento del settore professionale".
 

Nessun commento:

ShareThis

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

wibiya widget