giovedì 20 settembre 2012

Riforma del condominio in Aula, un'attesa che dura da 70 anni.

 
La riforma del condominio è arrivata in Aula alla Camera per la discussione generale. Si tratta di un provvedimento molto atteso considerato che sono circa 30 milioni gli italiani che vivono in condominio e la normativa in vigore risulta ormai datata. Il nuovo testo (AC 4041), elaborato dalla Commissione, si compone di 32 articoli, che novellano il Capo II del Titolo VII del Libro III del codice civile, e gli articoli 63 e seguenti delle disposizioni di attuazione e alcune leggi speciali, prevedendo un generale riordino della disciplina, con importanti novità rispetto al via libera del Senato il 26 gennaio del 2011.

Com’è cambiata la riforma
In particolare, rispetto a quel testo, la Commissione ha modificato alcune disposizioni che riducevano eccessivamente i quorum costitutivi e deliberativi dell’assemblea (in particolare in relazione alla modifica delle destinazioni d’uso delle parti comuni e alle innovazioni); ridefinito il concetto di “controversia in materia di condominio”, per l’applicazione della mediazione obbligatoria; disciplinato il tema della morosità del condomino; previsto l’istituzione, presso l’Agenzia del territorio, del Repertorio dei condominii e del Registro degli amministratori di condominio. Inoltre, si è cercato di sopprimere tutte quelle norme che potevano comportare un incremento del contenzioso giudiziario.
Le principali novità

Riscaldamento - In coerenza con le pronunce della Cassazione poi è stata messa nero su bianco la possibilità di distacco dal riscaldamento centralizzato, pagando le spese di manutenzione, in tutti quei casi in cui vi siano dei malfunzionamenti nell’appartamento e non si creino squilibri per gli altri condomini.
Cose comuni
- Contro le attività che incidano “negativamente” sulle cose comuni, più potere, all’assemblea, ma anche ai singoli proprietari (che potranno diffidare il colpevole e chiedere la convocazione della riunione).
Innovazioni
- Maggiore snellezza per approvare le innovazioni che hanno ad oggetto sicurezza, abbattimento di barriere architettoniche, contenimento consumi energetici, parcheggi, pannelli solari, impianti centralizzati radiotelevisivi e telematici. Sarà sufficiente la maggioranza degli intervenuti all’assemblea, che rappresentino almeno la metà millesimi. E così anche per l’installazione di impianti di videosorveglianza sulle parti comuni dell’edificio.
Amministratori
- Per quanto concerne poi gli amministratori, un registro pubblico raccoglierà le iscrizioni per le quali sono richiesti requisiti di formazione e onorabilità. Su richiesta e a spese del condominio poi il professionista potrà stipulare una polizza assicurativa contro i rischi. Il mandato durerà due anni.
Fra i motivi di revoca entrano anche l’omissione del rendiconto di gestione per un anno, l’irregolarità nella tenuta della documentazione del condominio, la mancata apertura del conto del condominio, irregolarità fiscali, e l’inerzia nel promuovere l’azione giudiziaria per la riscossione delle somme dovute dal condominio.
Sito internet condominiale - Inoltre, l’assemblea può disporre la creazione di un sito internet del condominio, ad accesso individuale e protetto, per consultare tutti gli atti e i rendiconti mensili.
 

Nessun commento:

ShareThis

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

wibiya widget