venerdì 7 settembre 2012

Il mio vicino lascia sempre il portone d’ingresso all’edificio aperto: che cosa posso fare per impedirglielo?

 
Una delle classiche diatribe nella quotidiana vita condominiale riguarda il portone d’ingresso. Alzi la mano chi non ha mai sbottato davanti al portone aperto giorno e notte. Non bastano i classici cartelli “si prega gentilmente di chiudere il portone”: c’è sempre qualcuno che non sa leggere o che, peggio, è noncurante davanti ad un fatto basilare per garantire la sicurezza della sua stessa abitazione. Non solo: il portone aperto, oggi come oggi, è spesso la buona occasione per i “venditori di ogni cosa” che s’intrufolano nel palazzo, salgono con l’ascensore fino all’ultimo piano e iniziano una discesa dalle scale che li porta a suonare ad ogni abitazione per propinare “l’affare della vita”. Insomma il portone aperto è causa di fastidio, pericolo e purtroppo, alle volte, anche di danni. Che cosa fare per evitare questo spiacevole inconveniente? Prima di dare una risposta che, vedremo, ha ben poco di giuridico, vale la pena inquadrare la vicenda nell’ambito normativo. La norma di riferimento è l’art. 1102, primo comma, c.c. a mente del quale

Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa”.

In questo contesto la Cassazione ha specificato che il pari uso della cosa comune non postula necessariamente il contemporaneo uso della cosa da parte di tutti i partecipanti alla comunione, che resta affidata alla concreta regolamentazione per ragioni di coesistenza; che la nozione di pari uso del bene comune non è da intendersi nel senso di uso necessariamente identico e contemporaneo, fruito cioè da tutti i condomini nell’unità di tempo e di spazio, perché se si richiedesse il concorso simultaneo di tali circostanze si avrebbe la conseguenza della impossibilità per ogni condomino di usare la cosa comune tutte le volte che questa fosse insufficiente a tal fine” (Cass. 16 giugno 2005 n. 12873).

Naturalmente servirsi del portone comune è operazione che è limitata alla possibilità di transitare dall’androne ed aprirlo e chiuderlo per entrare ed uscire dall’edificio. Il portone può essere tenuto aperto per brevi periodi per facilitare le operazioni di carico e scarico di merci e beni dei condomini, per consentire una più facile e rapida pulizia dello stabile o quando è in servizio il portiere con compiti di guardiania dello stabile medesimo. Negli altri casi lasciare il portone aperto dev’essere considerato un fatto non conforme alla particolare destinazione d’uso di quel bene. Detto diversamente: se è possibile provare quale dei condomini viola la basilare norma che impone la chiusura del portone una volta usciti o entrati nell’edificio si potrà intimargli maggiore attenzione con preavviso che, in caso contrario, si potrebbero adire le vie legali. Certo che una causa per il portone aperto…in casi come questi, quindi, è sempre bene cercare di risolvere la situazione con il dialogo.
 
Fonte: Alessandro Gallucci su Condominioweb

Nessun commento:

ShareThis

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

wibiya widget