giovedì 26 luglio 2012

Compravendita immobiliare e quote condominiali arretrate. Niente decreto ingiuntivo nei confronti del venditore.


Cass., sez. VI Civile – 2, ordinanza del 23 luglio 2012, n. 12841
Una volta perfezionatosi il trasferimento della proprietà di un'unità immobiliare, l'alienante perde la qualità di condomino e non è più legittimato a partecipare alle assemblee, potendo far valere le proprie ragioni sul pagamento dei contributi dell'anno in corso o del precedente, solo attraverso l'acquirente che gli è subentrato, con la conseguenza che non può essere chiesto ed emesso nei suoi confronti decreto ingiuntivo ai sensi dell'articolo 63 disp. att. c.c. per la riscossione dei contributi condominiali, atteso che la predetta norma di legge può trovare applicazione soltanto nei confronti di coloro che siano condomini al momento della proposizione del ricorso monitorio (atteso che l'obbligo di pagamento di questi ultimi sorge dal rapporto di natura reale che lega l'obbligato alla proprietà dell'immobile).   

Nessun commento:

ShareThis

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

wibiya widget