mercoledì 27 maggio 2009

Due anni senza bilancio ? Revoca dell'amministratore.


Il bilancio condominiale consente di comprendere la vita del condominio, fornendo utili indicazioni sull'operato e sull'attività svolta dall'amministratore.

Attraverso la sua corretta lettura, insieme a quella dei verbali assembleari è possibile studiare la gestione dei servizi comuni.

Il codice civile non dedica espressamente una disciplina per il bilancio condominiale, nonostante tale documento sia fra i più importanti che l'amministratore deve predisporre.

Di conseguenza, ciascun amministratore è libero di adottare i criteri contabili che ritiene più idonei, salvo il rispetto di alcune regole:

l'approvazione del preventivo ( cioè del programma futuro di spesa ) nell'assemblea ordinaria;

la presentazione del rendiconto ( necessità del bilancio annuale ) dell'amministratore alla fine di ogni esercizio; l'approvazione in assemblea ordinaria del rendiconto ( e con esso dell'operato dell'amministratore );

con il consuntivo e il preventivo dovranno essere anche approvati i piani di riparto cioè le quote a carico dei condomini.

Va ricordato che l'amministratore deve rendere i conti senza ritardo e se non adempie a tale obbligo nel corso di due anni di gestione può essere revocato dall'autorità giudiziaria su ricorso anche di un solo condomino, a mente dell'articolo 1129, comma terzo del codice civile.

L'amministratore non deve raccogliere somme fuori bilancio per lavori decisi al di fuori dell'assemblea e dei quali non venga mai reso conto.

Nessun condomino può rifiutarsi di pagare contributi dovuti in base ad un bilancio regolarmente approvato, a meno che non impugni la delibera perchè nulla o annullabile.

L'obbligo di redigere il bilancio rientra tra i principali compiti dell'amministratore, però se quest'ultimo dimentica di adempiere a tale obbligo non potrà esservi costretto, fermo restando che i condomini potranno rivolgersi all'autorità giudiziaria per chiederne la revoca.

Fonte: Giuseppe Spoto sul supplemento " Casa " de Il Messaggero

Nessun commento:

ShareThis

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

wibiya widget