venerdì 16 gennaio 2009

Danni a terzi: risponde il proprietario o l'inquilino ?


In tema di danni da cose in custodia, è sufficiente la sussistenza del rapporto di custodia con la cosa che ha dato luogo all’evento lesivo, rapporto che postula l’effettivo potere sulla cosa, e cioè la disponibilità giuridica e materiale della stessa con il conseguente potere-dovere di intervento su di essa, e che compete al proprietario o anche al possessore o detentore.

Pertanto, con riferimento alla locazione di immobile, che comporta il trasferimento della disponibilità della cosa locata e delle sue pertinenze, ordinariamente l’obbligo di custodia del bene locato è posto in capo al conduttore, dal quale deriva altresì la responsabilità a suo carico ai sensi del suddetto art. 2051 c.c. per i danni arrecati a terzi dalle parti ed accessori del bene locato.

Il proprietario è invece responsabile per i danni arrecati dalle strutture murarie e dagli impianti in esse conglobati, delle quali conserva la disponibilità giuridica e, quindi, la custodia.

Nessun commento:

ShareThis

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

wibiya widget